Affrancamento, niente ravvedimento per chi omette di pagare la prima rata

Orientamenti favorevoli ai contribuenti, tranne che in caso di ritardi sul primo o unico versamento dell’imposta sostitutiva. L’originaria

Orientamenti favorevoli ai contribuenti, tranne che in caso di ritardi sul primo o unico versamento dell’imposta sostitutiva. L’originaria facoltà disciplinata dagli articoli 5 e 7, L. 448/2001 è stata riproposta dall’articolo 1, commi 997 e 998, L. 205/2017. La scadenza di versamento per la prima o unica rata della sostitutiva dell’8% è il 2 luglio, ed entro tale data deve essere asseverata anche la perizia giurata di stima per conto di persone fisiche, società semplici, associazioni professionali ed enti non commerciali. La Cassazione è stata “comprensiva” verso gli errori dei contribuenti, a eccezione dell’ipotesi in cui vi sia un tardivo od omesso versamento della prima o unica rata. Se, infatti, le rate successive possono essere oggetto di ravvedimento operoso, la prima rata non è ravvedibile e il mancato rispetto dei termini inficia l’opportunità. È oramai chiarito, invece, che il valore di perizia non obbliga il cedente a vendere “almeno” a tale corrispettivo, essendo possibile che la cessione avvenga a valori inferiori, senza rilievo fiscale per la minusvalenza ma anche senza che ciò determini, come preteso in passato dalle Entrate, una rinuncia all’affrancamento.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone